LE FRATTURE VERTEBRALI DA OSTEOPOROSI Approccio globale e soluzioni per il paziente



Le fratture vertebrali da fragilità rappresentano un importante problema clinico e sociale sia per il loro numero sia per la disabilità residua. Purtroppo la loro diagnosi clinica, premessa indispensabile della corretta impostazione terapeutica, riguarda una ridotta percentuale dei reali casi. Un approfondimento completo su tutti gli aspetti diagnostici e terapeutici può essere molto utile a tutti gli specialisti che hanno in carico questi pazienti. Premessa a questa FAD è stata anche una survey che ha raccolto dati da oltre duecento specialisti italiani e che ha permesso di evidenziare la reale necessità di un aggiornamento sull’argomento specifico. Pertanto il programma è stato impostato iniziando dalle componenti per un razionale percorso diagnostico e proseguendo poi sulla terapia, approfondendone la caratteristica multidisciplinare, e ancora sul ruolo e le indicazioni della vertebroplastica e della stabilizzazione chirurgica. La fase post acuta è trattata per quanto relativo alla disabilità residua e alle modificazioni morfologiche del rachide con le indicazioni mediche, ortesiche e riabilitative. Il programma riabilitativo viene descritto in tutte le sue componenti Per concludere viene evidenziata l’importanza della continuità terapeutica ospedale-territorio e dell’inserimento di questi pazienti in un programma specifico di “fracture liaison service” allo scopo di approfondirne l’aspetto clinico e di prevenzione di una nuova frattura.

Per informazioni scrivere a segreteria@myeventsrl.it